Blog

Miglior tritacarne 2019

Sei interessato all’acquisto di un tritacarne, ma non sai quale scegliere perché ce ne sono troppi in commercio? In questa guida completa, troverete i migliori consigli del web per scegliere il modello più adatto alle vostre esigenze. Il nostro scopo, non è semplicemente quello d’indicarvi quello che secondo la nostra opinione è il modello migliore, ma guidarvi passo dopo passo nella scelta del modello migliore per le tue esigenze.

PRODOTTO DIMENSIONI PESO VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
26,5 x 21 x 34,5 cm 5,3 kg VEDI PREZZI
33 x 19,5 x 35 cm 3,7 kg VEDI PREZZI
32,2 x 29,8 x 25,2 cm 3 kg VEDI PREZZI
52 x 27 x 32 cm 15 kg VEDI PREZZI
32,8 x 28,3 x 39,8 cm 6,4 kg VEDI PREZZI
21 x 26,5 x 34,5 cm 4,6 kg VEDI PREZZI
26,2 x 24,1 x 8,9 cm 2,7 kg VEDI PREZZI
43,9 x 27,4 x 22,9 cm 3,4 kg VEDI PREZZI
17 x 33 x 35,5 cm 4,1 kg VEDI PREZZI
30 x 16,5 x 25 cm 4 kg VEDI PREZZI

Come dovrebbe essere il tuo modello preferito, manuale o elettrico? Potente ed accessoriato o meno potente e con una sola funzione? Ogni modello viene progettato per soddisfare delle particolari esigenze. Ognuno può trovare quello più adatto alle proprie caratteristiche, partendo dalla determinazione di un budget. Ma per scegliere il migliore, dobbiamo capire come funziona, quali sono le funzioni più diffuse e a quali non puoi rinunciare.

Guida alla scelta

tritacarne manuale

Se hai già dato un’occhiata in giro, ti sarai certamente accorto della grande varietà di tritacarne disponibili in commercio. Partendo dal basso, abbiamo quelli più economici costruiti interamente in plastica e manuali, che dispongono di una sola piastra per macinare la carne sempre alla stessa dimensione. I modelli migliori, invece, sono quelli costruiti con materiali più resistenti (solitamente acciaio inossidabile) e che dispongono di vari accessori per la macinatura. Questi, sono utili anche perché si possono utilizzare per macinare altri alimenti e non solo la carne.

Nonostante queste differenze, che poi incidono anche sul prezzo dell’apparecchio, un tritacarne manuale, concettualmente, non è così differente da un tritacarne elettrico. Questo attrezzo è generalmente composto da un corpo con due fori, uno d’entrata e uno d’uscita. A seconda delle tipologia scelta, possiamo avere un motore elettrico all’interno del corpo o una manovella da girare. All’interno troviamo sempre l’elica metallica che serve a triturare la carne. La velocità con cui questa esce dall’apparecchio, dipende dalla potenza del motore o dall’olio di gomito che ci mettiamo.

Il tritacarne elettrico di fascia media, che poi è quello che va bene per la maggior parte delle persone che leggono, ha una potenza di circa 400/500 watt. Questa però, non sempre riveste un ruolo di primaria importanza, almeno non se l’albero motore fa leva anche sulla cinghia di trasmissione. In questo caso, anche una potenza minore può essere sufficiente. Un tritacarne professionale, è anche dotato di un motore refrigerante, il quale consente di lavorare la carne mantenendo costante la temperatura interna, grazie alla presenza di una ventola. Questa fa si che la carne possa restare fresca, evitando la formazione di batteri.

Elementi da considerare per un tritacarne elettrico

La domanda a cui devi rispondere per scegliere il miglior tritacarne, quello più adatto alle tue esigenze è: “che uso ne farai?”. Se hai intenzione di macinare grandi quantità di carne e per periodi di tempo prolungati, allora avrai bisogno non solo di un tritacarne potente, ma anche che possa essere utilizzato a lungo, senza mettere sotto sforzo il motore. Se devi tritare carni piene di nervature e non sempre morbidi e sottili, devi scegliere un attrezzo che abbia un motore da almeno 400 watt. In questo modo, potrai tritare la tipologia di carne che utilizzi maggiormente, in meno tempo e con meno sforzo.

Un tritacarne professionale, anche se costa più di un normale modello per uso domestico, presenta funzioni extra molto importanti. Innanzitutto, è più facile da pulire e dato che la manutenzione va eseguita dopo ogni lavoro, questo aspetto riveste un elemento di primaria importanza. Se il prodotto è difficile da pulire, ogni volta che lo dovrete utilizzare, vi passerà la voglia. Inoltre, con un apparecchio dotato di accessori opzionali, oltre che a tritare la carne, potrete anche sminuzzare il pane, i formaggi secchi e duri, e molto altro ancora.

Prima di acquistare un modello qualsiasi, si devono considerare anche le sue dimensioni e lo spazio disponibile sul piano da lavoro. Più è professionale è l’attrezzo e probabilmente maggiore sarà lo spazio richiesto. Il tritacarne manuale, occupa generalmente meno spazio, in quanto il corpo non possiede un motore. Ovviamente, è l’ideale solo per piccoli e saltuari lavoretti e non grandi lavori di macinazione. Altro elemento molto importante da prendere in considerazione, è la facilità di assemblaggio dell’apparecchio. Se dopo l’utilizzo avete la necessità di metterlo via, piuttosto che tenerlo in bella vista, assicuratevi che sia facile da smontare/montare.

Tritacarne prezzi

tritacarne professionaleCome abbiamo visto fino a questo momento, in commercio esistono principalmente due tipologie di tritacarne, quelli manuali e quelli elettrici. La scelta va fatta in base alle proprie necessità e nessuno vi potrà mai indicare un prodotto meglio di un altro. Il macina carne migliore, è semplicemente quello che meglio si adatta alle vostre esigenze. La prima cosa da fare, è dunque stabilire un budget. Fatto questo, pensate se siete disposti a spendere 50 euro in più per avere qualche accessorio extra. Se avete deciso di spendere un massimo di 100 euro, con quei 50 euro in più avete una forbice abbastanza ampia, nella quale potrete trovare molti modelli che possono soddisfare le vostre esigenze.

Un modello di fascia media, con funzionamento elettrico, un corpo in acciaio inossidabile e una potenza media elevata, può costare proprio attorno ai 100 euro. Scegli il prodotto che ti sembra avere il rapporto qualità/prezzo migliore. Se non sei interessato a molti accessori, potresti anche risparmiare qualcosina. Il nostro consiglio però, è quello di acquistare sempre una macchina versatile. Se in futuro potrai acquistare accessori a parte, potrai ampliare la sua gamma di utilizzo, cosa sempre molto gradita.

Ovviamente, scegliendo un tritacarne manuale, si risparmia ancora di più, ma non li consigliamo se le vostre intenzioni sono quelle di tritare grandi quantità di carne, oppure di utilizzarlo spesso e volentieri. Inoltre, i modelli economici sono generalmente costruiti con plastiche, che non sempre sono l’ideale a contatto con i cibi, inoltre, la maggior parte non può essere lavata in lavastoviglie, come i prodotti in acciaio inox. Se la facilità di pulizia e manutenzione dell’apparecchio è un argomento che vi sta molto a cuore, non potete fare a meno di prendere in considerazione un tritacarne in acciaio. Ora seguendo i nostri consigli, non dovreste avere più alcun problema a scegliere il vostro modello preferito.