Blog

Miglior forno a microonde 2019

Andiamo ad approfondire il forno a microonde, un prodotto che serve per cuocere qualsiasi tipo di cibo e permette anche di scegliere tra varie modalità. Quello che li fa variare è sicuramente la potenza della cottura e la possibilità di inserire degli alimenti più grandi, quindi quello che riguarda cotture più voluminose e importanti, cosa non da poco, bisogna dirlo. Ad ogni modo è possibile riuscire a vedere in modo semplice anche tramite i vetri che sono posti davanti in modo da seguire passo passo quello che è il procedimento di cottura. L’impostazione relativa alla fase di cottura poi può essere diversa a seconda dei casi che ci troviamo di fronte quando dobbiamo cuocere un prodotto all’interno.

Facciamo un attimo una panoramica di questo prodotto cercando di capire poi cosa dovrebbe effettivamente possedere per essere non solo di buon livello ma anche accattivante in termini di prestazioni, nonché per il prezzo di cui parleremo in forma diretta e che ci permetterà di capire effettivamente se un microonde in offerta oppure no. Teniamo a mente che quello che andiamo a consigliare è sempre siglato con uno sconto che potrete vedere direttamente sulla pagina di acquisto ed è il prezzo più basso disponibile.

La qualità dei prodotti poi è testata dai nostri esperti che hanno provato con mano tutti i consigliati forno a microonde e che quindi hanno visione laterale di tutto quello che riguarda le possibili migliorie, caratteristiche e quello che effettivamente potrebbe essere inserito tra le top feature o quelle meno interessanti di ciascun prodotto. Andiamo a fare una panoramica generale dello strumento per capire quante sono le differenze in termini di versioni e come possiamo riuscire a scegliere meglio quello più fa al caso nostro, capendo se è possibile risparmiare anche con i modelli cuciti attorno poi alle necessità dell’utente. Chiaramente ci saranno sicuramente forni più performanti e più interessanti, ma andranno a finire nella categoria prosumer, magari per chi ha esigenze particolari e in alcuni casi anche relativamente all’utenza professionale, vedremo tutto da vicino.

Perché i forni a microonde sono così popolari?

Proviamo a ragionare e cercare di capire perché questo tipo di prodotto è così popolare. Permette di preparare un piatto cuocendo in pochi minuti e riuscendo a portare anche un buon livello qualitativo sulla tavola di chi poi dovrà andare a consumare il tutto. Non si tratta di una cosa da poco perché normalmente questo processo produttivo può portare via tempo e molti oggi vanno di fretta, per questo prendere un prodotto come questo può essere un’ottima scelta da attuare anche con facilità e senza troppi fronzoli.

Basta pensare che ci sono tante modalità di cottura e che anche al supermercato è possibile trovare sconti interessanti proprio per i cibi che possono essere poi cucinati in poco tempo nel forno a microonde, e non si tratta dell’unica cosa possibile tra l’altro. Provando a pensare e riflettere si può dire che è facile trovare un forno a microonde anche all’interno del proprio posto di lavoro, se si lavora in un ufficio anche di poche persone. È un accessorio utile il microonde economico e che può servire appunto per preparare un pasto in pochi minuti, quindi magari nella pausa pranzo che si ha di solito a metà giornata negli uffici, che in teoria dovrebbe durare un’ora, poco meno o poco di più.

A seconda della modalità di cottura e del tipo di prestazioni del forno a microonde migliore è possibile cuocere in tanti modi diversi, facciamo qualche esempio che poi andremo ad approfondire passo passo. Dunque molti hanno la funzionalità automatica, che rileva in base ai sensori cosa c’è all’interno del prodotto e prova a fare una cottura di livello in pochi minuti. Se stiamo cercando di riscaldare poi degli ortaggi troviamo modalità apposite che cercano di riscaldare anche l’interno del cibo di turno e restituire tutto in ottime condizioni. Il forno microonde può essere usato poi anche per scongelare qualcosa che avevamo ovviamente nel freezer e dunque accelerare il processo che di solito può richiedere anche qualche ora.

Come funziona un microonde?

forno a microondePer capirlo dobbiamo andare a parlare del nome di questo prodotto, si chiama appunto forno a microonde perché emana delle onde elettromagnetiche all’interno che possono essere associate ad un tipo di energia che poi porta a del calore all’interno della scocca del prodotto. Saremo molto chiari nella spiegazione cercando di semplificare il concetto. Pensiamo prima di tutto che le onde elettromagnetiche sono già presenti all’interno della nostra vita, basti pensare che il segnale che abbiamo sui nostri telefoni o smartphone utilizza quel tipo di onda per la propagazione e per fornirci servizi di connettività.

Le onde all’interno di un forno a microonde vengono emanate da un magnetron, praticamente uno strumento apposito che serve proprio a produrre quel genere di onde che permettono poi di riscaldare il cibo. Arrivare ad ottenere un effetto fisico come quello del riscaldamento sicuramente non è una cosa facile, e si può dire che la loro frequenza può anche arrivare a diversi milioni di emanazioni al secondo. Questo tipo di onde hanno un effetto su alcuni alimenti, proprio quelli che poi andiamo a cucinare con il forno a microonde, specialmente con elementi come i grassi o l’acqua.

Le onde cercano di attrarre le molecole di questi elementi, ma vanno talmente veloce che chiaramente sarebbe impossibile stargli dietro, pertanto succede che le molecole si spostino e questo loro spostamento, seguito magari da un urto, finisca per produrre calore. Più tempo quindi rimane tutto esposto alle onde elettromagnetiche di cui abbiamo parlato e più aumenterà il calore prodotto, con una differenza netta in termini di gradi centigradi e in quella che poi diventa la temperatura di cottura. Esempio classico può anche essere quello del pane che effettivamente se è freddo e duro, portato nel microonde finisce per tornare di nuovo morbido. Questo perché l’acqua che c’è all’interno evapora spostandosi molto velocemente e dunque l’effetto finale è quello di avere il pane come se fosse stato cotto a vapore. Tutto grazie ad un fenomeno di propagazione del calore dato proprio dal movimento di queste particelle. Tutto quello che trovate poi in questo approfondimento scaturisce dai nostri microonde expert.

Caratteristiche speciali che permettono ai microonde di differenziarsi dai prodotti simili

Oltre alle caratteristiche elencate ci sono altri pro particolari relativi al forno a microonde, e si può dire che effettivamente tutto porta anche alla facilità di utilizzo di tutto quello che c’è da gestire all’interno del prodotto. Proseguiamo per gradi. Dunque come abbiamo spiegato tutto viaggia in base alle microonde appunto di questo prodotto, che permettono alle particelle di alcuni elementi di spostarsi e dunque di creare calore e riuscire in questo modo a gestire con facilità anche il riscaldamento di quei cibi che paradossalmente sembrano o non più mangiabili perché troppo tosti oppure ormai andati e solo da buttare. Tutto quello che acquistiamo poi per cottura a microonde non è altro che un prodotto liofilizzato con grassi e acqua, che muovendosi e riscaldando il tutto porta il prodotto a gestirsi in modo differente e dunque ad avere nuova vita, pronto per essere consumato.

I microonde non hanno bisogno di pulizia, la manutenzione è quasi praticamente inesistente, dato che basta inserire il cibo all’interno e far partire la cottura. Non ci saranno schizzi, sporcizia o problematiche di sorta, il che permetterà di portare a casa un prodotto da usare quante volte vogliamo senza spese particolari aggiuntive, il che non è da poco chiaramente. Le modalità possibili sono tante e come abbiamo spiegato c’è anche il defrost per la roba congelata che ci permette di risparmiare parecchio tempo, e solo questo prodotto ci permette di seguire un procedimento come questo.

Inoltre troviamo anche cotture ad hoc uniformi per diversi tipi di cibi che ci permettono di gestire con facilità anche i cibi più grandi e non distribuiti in modo uniforme. Molti modelli hanno anche un piatt apposito che su richiesta può girare per contribuire a far riscaldare il prodotto girandolo da tutte le angolazioni possibili, il che chiaramente non è da poco. Parliamo tra l’altro anche con queste caratteristiche di spese piuttosto contenute, non arriviamo verso chissà quale costo, pertanto si può dire che i microonde siano veramente alla portata di tutti gli utenti che possono valutare tranquillamente di averne uno a casa per riuscire sempre a riscaldare o cuocere i propri cibi in pochi semplici passi e soprattutto in poco tempo, ottimizzando i tempi dei pasti.

Vantaggi e svantaggi delle microonde

Come per tutte le cose ci sono svantaggi e vantaggi, anche se come abbiamo spiegato ci potrà capitare spesso di gestire i microonde per delle rapide cotture. Questo tipo di forno ci torna utile sicuramente per i tempi morti, come spiegato se magari non si ha voglia di cucinare in alcun modo, e in pochi minuti al posto di qualcosa in più con i metodi tradizionali si è pronti a mangiare ad esempio. Per i pasti veloci può andare più che bene, il che non è da poco e ci permette di risparmiare tempo quando siamo di corsa o se siamo particolarmente applicati a fare qualcosa.

Basta inserire l’apposito piatto con l’alimento di turno all’interno de prodotto e impostare il programma di cottura, con annesso timer magari per avere più controllo sull’esposizione che verrà fatta del cibo alle microonde. I nostri microonde expert consigliano comunque un uso moderato, impostando i timer con tempistiche al netto di quello che si fa normalmente, al minimo, senza esagerare per evitare di bruciare il prodotto da mangiare. In questo modo se alla fine della tempistica standard il prodotto è pronto ben venga, sarà possibile consumarlo subito, mentre se viceversa non sarà ancora pronto, potremo impostare un altro po’ di tempo per riuscire ad ottenere il livello di cottura ottimale che cercavamo.

Spesso potrebbe capitarci anche di cercare microonde offerte, quindi qualcosa a livello dei prezzi, ovviamente molto importante, che approfondiremo poco più avanti. Il miglior microonde non è necessariamente quello che costa di più, ma quello cucito attorno alle esigenze del cliente, pertanto analizzando le caratteristiche sarà possibile capire cosa servirà a ciascun utente magari anche risparmiando qualcosa. Tornando al discorso dei vantaggi si può dire che è possibile anche scaldare dei liquidi ad esempio, e giusto per dare completezza al tutto, è possibile anche raffreddare con il forno a microonde, e nelle microonde offerte è possibile trovare senza distinzioni prodotti che fanno entrambe le cose, non ci sono dei costi aggiuntivi.

L’acqua può essere riscaldata per preparare una infusione o del thè, come altri tipi di bevande senza problemi di alcun tipo e senza arrivare alla temperatura di ebollizione, e comunque ci sono dei vantaggi consistenti anche nella pulizia e ancora una volta nel tempo, perché andando a riscaldare ad esempio tramite pentolino il tutto, successivamente andrebbe pulito e dunque utilizzeremmo altro tempo. Chiaramente non parliamo di perdite di ore, ma sono tante piccole cose che comunque hanno la loro valenza.

Non ci sono però solo vantaggi, ma anche qualche piccolo svantaggio. Dunque prima di tutto precisiamo che usare il forno a microonde non significa togliere completamente dalla propria vita gli altri tipi di prodotto che ci supporta. Altri elettrodomestici sono effettivamente necessari e il microonde non va a toglierli. Qualcosa viene tolto dalla cottura con forno a microonde, e si può parlare di alcune volte gusto del prodotto e consistenza dello stesso, che chiaramente non è da poco. Ricordiamo sempre che è possibile riuscire ad assaporare bene anche un prodotto cotto con forno a microonde, ma per essere al top è consigliabile usare un piano cottura dedicato.

Per non far bollire l’acqua chiaramente serve un settaggio apposito e non bisogna arrivare ai fatidici 100 C° per evitare l’evaporazione. Questo è un settaggio che va inserito a mano assieme al tipo di cottura che va inserito di volta in volta per avere massimo controllo sul procedimento. Un forno a microonde non produce inoltre una particolare reazione che permette ai cibi cotti di avere un odore particolarmente invitante, volendo fare un esempio, quello che sentiamo quando passiamo vicino a qualche ristorante o qualche casa particolare all’ora di pranzo o cena. Un bell’aroma che letteralmente ci fa venire l’acquolina in bocca.

Pertanto non consigliamo la cottura a microonde se abbiamo ospiti e bisogna preparare qualcosa di buono anche per fare una buona impressione come da prassi. Non possiamo raggiungere il grado di cottura dei forni tradizionali poi per la limitazione dovuta alla temperatura raggiungibile che è inferiore a quella che troviamo normalmente all’interno dei forni tradizionali che abbiamo tutti a casa assieme al piano cottura. Chiaramente poi parliamo di prodotti con un costo nettamente differente, è bene precisarlo. Microonde offerte che possono arrivare anche a far costare il tutto davvero poco, pertanto non è assolutamente possibile riuscire a rinunciare completamente agli altri elettrodomestici.

Inoltre in ultimo appunto si può pensare che il microonde abbia degli effetti di tipo micro organico, ovvero su batteri o comunque particelle che possono essere nocive o dare fastidio. L’utilizzo delle onde elettromagnetiche non ha particolari effetti su questi organismi, quanto il calore prodotto naturalmente. Tutto è gestito con il calore, se qualcosa viene meno è per la temperatura elevata, e non per le onde. Comunque però avremo la garanzia che il nostro piatto o prodotto è effettivamente protetto e senza batteri dopo un’attenta cottura, che è un po’ quello che ci interessa naturalmente. Dal punto di vista salutare dunque si tratta di un prodotto che ci aiuta, mentre se vogliamo arrivare a gustare qualcosa con uno step aggiuntivo dobbiamo rivolgerci ad altri tipi di prodotti per la cottura. È insomma un intero ecosistema dove ogni pezzo fa la sua parte e andare a integrare un forno a microonde ci aiuta in modo consistente a fare in modo che quello che bisogna cuocere sia effettivamente pronto all’occorrenza in pochi minuti, se abbiamo bisogno di fare in fretta.

In quali situazioni le microonde sono più utili?

Come abbiamo spiegato in modo anticipato le microonde potrebbero tornarci utili nel momento in cui dobbiamo andare a cuocere diversi tipi di cibi e dobbiamo farlo in modo rapido, anche se andiamo a perdere qualcosa lato croccantezza del cibo di turno e qualcosa sul piano del dolore, anche se si può dire che ne guadagniamo nella velocità di consumo del cibo. Nei giorni di lavoro, magari stesso sul posto di lavoro può tornare utile riuscire a consumare e ricaricarsi al volo, soprattutto se si è presi dal lavoro e magari bisogna continuare, sia per scadenze che magari per motivi di creatività.

Il fattore tempo quindi è uno dei grossi punti a favore del forno a microonde. Sul piano inoltre della sicurezza si può dire che ci siamo, perché è possibile riuscire anche a eliminare batteri dato che la cottura fatta in questo modo è effettivamente efficace nell’uccidere tutte le impurità che possono esserci normalmente all’interno dei cibi, quindi nessuna controindicazione dal punto di vista dell’igiene e della salute. Menzione rapida anche al fattore tempo proprio per la velocità con cui un forno a microonde può riuscire a fare un passo in avanti rispetto agli altri prodotti.

Se volessimo mangiare del pollo, in termini di cottura con il forno a microonde e l’apposito programma di cottura ci vorrebbero solo 4 minuti per portare a termine il processo e cominciare a mangiare, mentre con un forno tradizionale il tempo arriverebbe anche a 10 minuti. Questo significa che nel tempo di cottura del forno normale utilizzando il microonde potremmo essere riusciti anche a finire, e magari saremmo pronti per passare ad altro, mentre poi per cottura tradizionale dovremmo anche lavare e mettere a posto il pentolame vario impiegato, oltre poi anche facendo manutenzione rapida al piano cottura.

È anche importante procedere al posizionamento efficace del prodotto in modo da lasciarlo libero da altro e non mettere molto vicino. Semplicemente bisogna gestire quello che è lo spazio attorno a tutto, cercando di capire bene cosa può essere inserito magari sulla mensola e cosa no. Fare questa distinzione è molto importante, bisogna precisarlo, e per questo vi invitiamo a fare le vostre valutazioni anche prima di prendere il prodotto. Anche se molto schiacciato funziona ottimamente, non bisogna fraintendere, ma producendo calore è bene lasciarlo areato in modo da preservare eventuali surriscaldamenti, che male non fa chiaramente.

Inoltre alcuni di questi prodotti sono ibridi, il che significa avere anche la possibilità di riuscire ad ottenere una cottura simile a quella dei forni tradizionali, la cosiddetta modalità “grill” che permette di avere a portata di pochi minuti un risultato simile a quello ottenibile con i forni normali. Badiamo bene però perché il risultato non sarà mai effettivamente identico, ma si avvicina anche in termini di croccantezza al risultato effettivo che è possibile ottenere con un prodotto da un angolo cottura. La qualità comunque c’è e bisogna sottolinearlo, per capire che prendendo un forno a microonde non si finisce mai male, comunque tornerà utile e comunque farà la sua figura anche in termini di cottura.

Come scegliere un forno a microonde?

Detto tutto questo quindi come potremmo capire come scegliere il forno a microonde adatto alle nostre esigenze? Potremmo prima di tutto cercare microonde prezzi per avere un riferimento della spesa, poi magari miglior microonde se non badiamo a spese oppure microonde offerte, per capire quali sono i prodotti in quel momento più interessanti che volendo trovano un collegamento e un buon rapporto tra qualità e prezzo. Quello che vi proponiamo è prima di tutto sempre al miglior prezzo e trovate anche la quantità di sconto su ciascun microonde.

Il miglior microonde in assoluto non esiste, potremmo lasciare una selezione dei prodotti più validi per avere un riferimento diretto ad esempio, portando a casa quello che potrebbe essere quello magari più completo se sappiamo in che contesto verrà utilizzato e con che criterio. La qualità effettiva della cottura sarà sempre messa al primo posto e il microonde migliore lo possiamo definire appunto su questa caratteristica, non in assoluto.

Il microonde economico esiste ed è anche alla portata di tutti ad esempio, perché il costo microonde effettivo è veramente basso, anche se andiamo a prendere un prodotto sul top di gamma, magari con una capienza elevata, si può dire che non si discosterà tantissimo da quello che potrà essere un prodotto economico. Potrà differire nei programmi di cottura, ma non in modo incredibile. Microonde in offerta ce ne sono sempre, pertanto tenete d’occhio i nostri consigli, sicuramente non ve ne pentirete. Microonde prezzi da capogiro non ce ne sono, quindi la spesa rimarrà contenuta, e questa è una garanzia.

Potremmo anche pensare ad un confronto microonde e nel nostro sommario su come catalogare i prodotti possiamo capire con che criterio fare la nostra scelta e quale prodotto andare a comprare. La vendita forno microonde non è una cosa semplice, pertanto è sempre bene affidarsi come in questo caso ad un gruppo di esperti che possono consigliare al meglio quale potrebbe essere il prodotto a seconda delle esigenze del cliente. Quando il singolo decide io compro forno microonde è il momento di rivolgersi alla nostra guida e capire quali sono le differenze, nonché come scegliere.

Come abbiamo spiegato ci sono differenze programmabili in termini di cottura che possono portare a preferire un prodotto rispetto ad un altro. Comprare microonde non è nemmeno così complicato in termini di scelta, pertanto affrontiamo questo processo con molta tranquillità. La qualità del nostro microonde sarà effettivamente consistente o meno, ma sicuramente riusciremo ad usarlo con pochi semplici passaggi, questo è poco ma sicuro.

Consigli per usare il forno a microonde

microondeQuando utilizziamo il forno a microonde non dobbiamo mettere roba a casaccio, sicuramente non va inserita la plastica, altrimenti si brucia, e viene danneggiato anche il forno stesso, è un po’ una stupidaggine. Tuttavia c’è una plastica specifica che può andar bene per essere inserita, ma perché usarla? Perché i prodotti devono essere inseriti in un recipiente prima di passare all’interno del microonde, non bisogna quindi farli aderire direttamente alla superficie interna.

Ad esempio potremmo usare un prodotto in porcellana dove inserire l’alimento da cuocere. Volendo comunque esistono tipi di plastica appositi, magari da usare successivamente anche come piatto. Dopo la cottura bisogna munirsi anche dei guantoni per gestire il recupero del cibo da dentro al prodotto, perché l’esposizione alle onde fa salire di parecchio la temperatura e si può dire che effettivamente arrivi a toccare dei valori molto alti.

Come suggerito poco più sopra inoltre bisogna posizionare il microonde sopra una mensola o sulla parte del piano cottura con spazio a disposizione senza mettere altro all’interno, perché è meglio lasciarlo esposto all’aria in modo tale da permettergli di disperdere il calore accumulato man mano. Non si tratta di una cosa da poco, perché preserva il nostro prodotto e allunga la vita, tenendo comunque presente che un forno a microonde è garantito dal produttore, pertanto già questo è indice di affidabilità. Dai nostri consigli comunque avete assistenza continua da parte del produttore e un team in grado di rispondere alle vostre domande, dubbi o perplessità. Il cliente insomma viene seguito anche dopo la vendita.

Cose interessanti da sapere sui forni a microonde

Andiamo a capire quali possono essere le curiosità sui forni a microonde e come questi possono essere usati all’interno della vita di tutti i giorni per preparare piatti e riuscire a gestire al meglio quello che sono le novità anche degli ultimi modelli. La facilità con cui è possibile gestire quello che sono i forni a microonde più recenti è alcune volte disarmante. Molti hanno il timer integrato chiaramente e l’orologio, quindi quando andiamo a settare il timer di funzionamento potremo sapere direttamente anche quale sarà l’orario di fine cottura. Molti programmi sono automatici, dunque basta dire di fare la cottura o auto refresh per far rilevare al prodotto se il piatto è da cuocere o da scongelare.

Programmi utili sono anche per gli ortaggi, e si possono inserire automaticamente, la funziona è già programmata e permette di dosare il tipo di calore e la forza delle onde che colpiscono il cibo per evitare che il cibo si consumi o che si spacchi all’interno del forno a microonde. Troviamo anche una funzionalità yogurt per renderlo consumabile in poco tempo e la funzionalità di defrost proprio specifica per lo scongelamento. Ci sono poi anche funzionalità combinate che miscelano più modalità e dunque l’unico limite anche per un prodotto che cuoce è come sempre la fantasia, c’è poco da dire a riguardo.

Ci sono anche funzioni di deodorizzazione, ovvero la possibilità di riuscire facilmente a gestire quello noi sentiamo come odore dopo la cottura, oppure se uno degli alimenti che conosciamo finiscono per essere non diciamo di cattivo odore ma comunque non vogliamo che effettivamente si finisca per sentire l’odore una volta estratti c’è anche questo tipo di funzione che assorbe il tutto e lo contiene. Come citato in precedenza abbiamo anche la possibilità su alcuni modelli di far ruotare la pietanza che occorre cucinare, di conseguenza potremmo finire per avere una cottura più interessante e omogenea per un risultato di migliore qualità.

Abbiamo cercato di darvi più informazioni possibili riguardo il forno a microonde, un prodotto che non dovrebbe mancare nella casa di nessuno ad oggi, riassumendo in un posto dove c’è un po’ di aerazione ed è dunque più semplice riuscire a gestire la cottura di cibi in tempi molto rapidi, alcune volte potendo anche andare ad ottenere, nei prodotti che lo supportano, una cottura quanto più simile possibile a quella del forno tradizionale, il che non è da poco chiaramente.

Il risparmiare tempo permette chiaramente di potersi dedicare ad altro, tenendo comunque poi più pulito il piano cottura, perché con queste caratteristiche è possibile anche evitare di azionare il forno standard e utilizzare quello che è il piano cottura e il pentolame classico, risparmiando tempo anche per la pulizia successiva. Le prestazioni sono dunque paragonabili, e per questo bisogna tenere conto anche che con una spesa molto contenuta, perché un forno a microonde non costa molto, è possibile riuscire a portare a casa un prodotto valido da tenere anche per tanto tempo senza problemi.