Blog

Miglior coltelli da cucina 2019

Come ama dire uno dei nostri redattori, un coltello da chef “è come un partner da ballo”. Un coltello che nelle tue mani è bello e confortevole, potrebbe non essere altrettanto nelle mani di un altro. Quando inizi a cercare il coltello perfetto, quello che ti permette di tagliare, sminuzzare, affettare in modo piacevole, veloce e senza fatica, allora ci sono alcuni elementi che devi prendere in considerazione; elementi, che devono mettere in primo piano le tue personali esigenze. Se ti stati avvicinando adesso al mondo della cucina e ti stai chiedendo quali coltelli da cucina comprare, allora sei arrivato nel posto giusto, perché questo articolo è stato creato su misura per te!

PRODOTTO DIMENSIONI PESO VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
16,5 x 13,5 x 35,1 cm 2,8 kg VEDI PREZZI
22 x 14 x 36 cm 2,5 kg VEDI PREZZI
28,5 x 8 x 4 cm 0,3 kg VEDI PREZZI
22 x 15 x 35 cm 1,3 kg VEDI PREZZI
42 x 20 x 5 cm 2,5 kg VEDI PREZZI
46,6 x 15,6 x 13,6 cm 1,9 kg VEDI PREZZI
35,8 x 23 x 16,6 cm 2,9 kg VEDI PREZZI
28,4 x 8,4 x 3 cm 0,3 kg VEDI PREZZI
37 x 11,6 x 2,6 cm 0,5 kg VEDI PREZZI
37 x 16 x 3 cm 0,6 kg VEDI PREZZI

Come scegliere i coltelli da cucina migliori

La prima cosa che dovresti fare, è testare i coltelli con mano, meglio ancora se fosse possibili utilizzarli su un piano da lavoro con alcuni ingredienti. Puoi recarti in un negozio che vende attrezzature per la cucina o un negozio di pentole e stoviglie. Dopo aver fatto la tua scelta e solo allora, potrai andare su internet a cerca lo stesso coltello all’offerta migliore!

Se non hai mai acquistato un coltello da cucina prima d’ora, non puoi farli direttamente dalla rete. Il coltello va “sentito” tra le proprie mani e bisogna parlare-ascoltare, qualcuno che sappia guidarti nella scelta. Purtroppo, i venditori di oggi non sono così specializzati come si vorrebbe, qui ndi l’unico modo per provare effettivamente questo strumento da taglio, è tenerlo tra le proprie mani.

coltelli da chef

Un altro consiglio, è quello di approcciarsi all’acquisto con la mente aperta. Questo significa, che non bisogna provare i coltelli solo in base alle proprie preferenze estetiche o per dimensioni e prezzo. Ovunque acquisterai il tuo coltello, assicurati di poter fare il reso dopo averlo testato per qualche giorno a casa tua. Online, sotto questo punto di vista, è tutto molto più semplice.

Come testare un coltello

Ammesso e non concesso che tu sia un principiante, ti starai chiedendo come sia possibile provare i coltelli da cucina professionali. Bene, ecco a te alcuni consigli utili:

  • Sminuzza il prezzemolo
  • Taglia la cipolla
  • Affetta la zucca
  • Taglia le carote a strisce sottili
  • Taglia un melone

Elementi da prendere in considerazione

Quando avrai la possibilità di testare i coltelli da chef con le tue mani, la prima cosa a cui dovrai prestare attenzione è la sua forma e come questa la senti tra le tue mani. È comodo? Deve essere un’estensione della tua mano, naturale e non sentirlo come un corpo estraneo. Deve ispirarti confidenza, non paura. Se non ti sembra quello giusto, passa al prossimo. Ti sembra quello ideale? Provalo. Questi sono gli elementi da prendere in considerazione per scegliere i coltelli cucina migliori:

  • Peso – Devi testare più coltelli da cucina per capire quale sia il peso ideale per te. Una scuola di pensiero, crede che i coltelli da cuoco più pesanti siano i migliori, perché facilitano il compito “cadendo” con più forza sugli alimenti. Un’altra, crede che siano migliori quelli leggeri, perché consentono una manovrabilità migliore dell’attrezzo. Alla fin dei conti, sono sempre le tue esigenze quelle che contano di più.
  • Bilanciamento – “L’equilibrio perfetto” lo puoi accusare soltanto tra le tue mani. Giudica il bilanciamento del coltello, afferrandolo per il manico. Se lo senti sbilanciato, perché pende verso la punto o verso il manico, significa che non è il coltello adatto per te. Un coltello non equilibrato, rende il lavoro più difficoltoso.
  • Dimensioni – I coltelli da cucina da 20 cm sono i più diffusi, per via della loro maggiore versatilità. Quelli da 25 cm sono ideali per tagliare un volume maggiore di ingredienti, ma sono anche più intimidatori. Quelli da 15 cm sono più agili, come i coltelli da cucina più che da chef, ma sono troppo corti per tagliare volumi grandi come un melone.

Coltelli da cucina nomi

coltelli cucina miglioriPer ogni operazione, esiste una differente tipologia di coltello ed ognuno ha il suo nome specifico. In questo elenco, vediamo i coltelli più comuni e il loro principale utilizzo:

  • Coltello trinciante: è il coltello da chef più diffuso, con lama triangolare. Ideale per sminuzzare, tagliare a dadini, affettare e tritare.
  • Coltello Santoku: si tratta di un coltello senza punta e con una lama molto leggera per aumentare la precisione. Viene definito anche come coltello orientale, perché molto utilizzato nei paesi dell’est. Viene utilizzato per affettare principalmente le verdure. In Giappone, è l’equivalente del nostro coltello da chef.
  • Coltello a seghetto: la lama può essere di dimensioni diverse e la sua caratteristica principale, sono i denti da taglio. Ideale per affettare cibi delicati, senza schiacciarli.
  • Coltello Boucher: La lama è stretta e lunga. Principalmente, viene utilizzato per affettare e disossare pollo e carne in generale. Anche per questo, molti lo definiscono il classico coltello “da macellaio”.
  • Coltello Spelucchino: la lama può essere sia dritta che ricurva ed è molto piccola, massimo 11 cm. Quello con lama dritta, si usa per il formaggio, la carne, la verdura e la frutta, mentre quello con lama ricurva, è ideale per pelare e sbucciare.
  • Coltello da arrosto: la sua caratteristica principale è la lama molto lunga e a punta arrotondata. Ideale per tagliare senza rovinare la carne alla brace o per i salumi in generale.

Coltelli da cucina prezzi

Quando si parla di coltelli da chef, i prezzi possono essere davvero molto vari. Si parte da coltelli molto semplici ed economici (10 euro) a coltelli professionali (dai 1.000 euro in su). Ovviamente, non è necessario acquistare questi ultimi, a meno che il vostro nome non sia Antonino Cannavacciuolo, ma molti concordano che per la maggior parte degli appassionati, amatori o chef semi-professionisti, un coltello che oscilla tra i 50 e i 100 euro, può essere più che sufficiente. Ma perché questa grande differenza di prezzi? Il motivo principale sta nei materiali con cui i coltelli vengono realizzati e la loro durata. I migliori, possono durare anche tutta la vita, mentre minore è la qualità e maggiore sarà il numero di volte che li dovrete affilare per poterli utilizzare. Ovviamente, un coltello non può essere affilato per tutta la vita, e prima o poi andrà cambiato.